Data: 30.12.2015

Autore: Bruno Alfonsi

Oggetto: Lettera alla Befana

Roma, 30 Dicembre 2015

Cara Befana, dopo la Lettera a Babbo Natale, m'ha telefonato er ministro per le pari opportunità e m'ha obbligato a scrive 'na lettera pure a Te...

Prima che pensi male cara Befà, io non ce l'ho con Te, anzi, a ditte er vero me stai più simpatica te, de quello che fà stramazzà le renne a 3000 metri d'altitudine co' 'sto freddo. Tu te 'ncolli 'na scopa, te la metti in mezzo alle cosce che tte farà pure piacere, e te ne vai in giro pe' i cavoli tua, senza schiavizzà quelle povere bestie.

Poi Tu per me rappresenti er simbolo dell'equità, distingui er bene dar male, a Tuo giudizio porti dei dolci o del carbone... quello amaro... che l'omini se sò fatti paraculi e mò vendono quello dolce... anche se è simile, non lo comprà mai in pasticceria, vallo a prende in Sardegna, l'estate, quanno brucia tutta 'a macchia mediterranea... Babbo Natale nun distingue più... porta regali a tutti, a chi è stato bravo porta Prodi e a chi non è stato bravo Berlusconi, ma sempre 'na finanziaria ce tocca.

Poi lui se vede che è ricco, magna bene, se veste sportivo... se vede dalla panza che è benestante... Tu sei trasandata, secchetta, vesti de stracci e tte mancano li denti... perchè se è tipico dei finlandesi avecce i denti sani, tu devi esse der centr'Africa. C'hai er naso e er mento che se toccano, articoli i suoni sfregandoli tra de loro come 'e cicale, sei bruttarella a ditte er vero, ma nun c'è un bimbo al quale non stai simpatica, non ce n'è uno che nun vorrebbe montà sulla scopa tua e fasse un giretto sopra la città, che dall'alto deve esse proprio bella... Parlo de Roma, che casa Tua è qua... La Befana è nata a Piazza Navona millenni fa, poi deve avè proliferato parecchio, perchè se ne vedono tante in giro pe' la strada tutti i giorni, ma vestono peggio...

C'hai tanti nipotini cara Befà, che t'aspettano er 6 a notte e attaccano la carza alla cappa... Mò fanno quelle co' l'aspiratore, non so come fai a uscì da là, vieni estrusa dalla grata come i tonnarelli co' la pastamatic, ma evidentemente te ricomponi sempre, e pure i regali arivano sani, per cui...
Co' Berlusconi nun c'hai problemi, che a quanto pare je regali sempre capelli e quelli ce passano tranquillamente nei buchetti. Tra qualche anno, quanno c'avrà 'na foresta, portaje pure 'na chitara elettrica che tanto se l'è sempre cantata e sonata da solo.

Da parecchio nun me porti più gnente 'a nonnè, manco er carbone... sarà perchè nun attacco la carza, o forse perchè da grandi nun se po' esse nè boni nè cattivi, semo solo alienati... rincojoniti da 'na vita che è sempre uguale...
Da bambino me ricordo che nella carza c'era poca robba e invece me riempivi er tavolo della cucina de pacchi e pacchetti, che pure mamma e papà restavano sbalorditi ("ma come cazzo avèmo fatto a spenne tutti 'sti sordi?") Se vede che ero proprio troppo buono!! me sembrava Natale n'antra vorta... mò che cce penso, ma non è che durante i vari viaggi che se faceva er lappone, je zottavi quarche saccocciata de regali dalla slitta??
Tu sei 'na poraccia, come facevi a portamme tutta quella robba? Babbo Natale è 'n bonaccione, tu diresti "cojone" lo so, a Roma se usa molto er francese parlato, quello nun se sarà mai accorto de gnente, tu c'hai la faccia da paracula invece... dimme la verità, tu rubbi. Basta che nun te droghi eh, che c'hai tutte le vene de fòri e co' tutti i giri chette devi fà, te potrebbe venì automatico...

Semo rimasti in sospeso io e n'antra pupetta, sur fatto de indove lasci la scopa quanno entri dentro le case... Io pensavo appoggiata ar camino, lei dice nel culo, ma mò i camini sò disegnati, nun ce stanno più i camini de 'na vòrta, se lasci 'na scopa sur tetto se la frega quella dell'urtimo piano, i tempi sò cambiati... Allora è la seconda c'ho detto?

I miei bimbi domani sera attaccheranno dù carze, te lo dico subbito che sò quelle dell'anno scorso che d'estate qua nun le usa nessuno, mettice quello chette pare, ma gnente robba che come 'a tocchi comincia a sonà... che ogni vorta che j'ammucchio i giocattoli, me partono sempre 4-5 musichette insieme che nun s'azzittano manco se spegni tutti i reattori nucleari Francesi e le centrali Tedesche... Sò l'unici apparati che c'hanno 'na batteria illimitata nella durata e ner tempo, invece quanno te serve 'na radiolina pe' sapè se sei ancora vivo, dopo tre giorni che nun la usi, 'e batterie t'hanno fatto i champignon dentro la loro sede.

Se vòi un consiglio, pe' er maschio faje tutta robba de gomma, così nun la sfascia e magari se je rimbarza sur naso, je passa la voja de tirà tutto, pe' la femmina gnente robba de gomma che poi magari da grande je resta 'sta cosa, solo bambole mute dalla nascita che tanto a falle parlà ce pensa lei che è ventriloqua.

Ecco, mò pòi comincià a mette in moto la scopa pe' quanto me riguarda... ma l'accelleratore 'ndo stà? ah, vabbè che co' quer naso andrai a reazione...

Comunque cara nonnetta, occhio se passi a casa mia, cerca de fà piano, nun me svejià... che, se capita, 'na bottarella te la dò eh... a Babbo Natale pe' l'anno scorso j'avevo chiesto 'na cosetta che nun m'ha portato... se anche fosse, pijatela co' lui.

Ciao, Bruno.

Nuovo commento