Data: 03.12.2015

Autore: Bruno Alfonsi

Oggetto: Lettera a Babbo Natale

Lettera a Babbo Natale

A Babbo Natale, Lapponia
- recapitare entro il 24 mattina, fa fede er timbro der piccione -

Caro Babbo Natale, ti scrivo perchè voglio che tu mi porti qualcosa per Natale, come tutti, nessuno te scrive buste coi sòrdi dentro credo, e non vedo perchè dovrei esse io er primo...
Innanzitutto nun passà a casa mia a Roma, portame tutto fuori, ar mare, allungherai de 30 kilometri, ma nun ce stanno i palazzi alti ed è più difficile che tte schianti sui camini... Secondo poi, famme capì ’na cosa, ma che cazzo galoppano a ffà le renne tue se volano?... terza cosa... c’hanno ’e ali trasparenti?? quarto... tu come cavolo fai a entrà dai caminetti co’ ’a panza che t’aritrovi? quinto... ’a slitta tua c’ha un portabagaji da fà schifo, ma perchè nun dici ’a verita che nun sei te che porti i regali a tutti i bambini der mondo, ma li compràmo noi pe’ corpa tua?
Er fatto che risponderai a tutte le mie domande, non fa sì che te debba risparmià er viaggio...
Io durante l’anno sò stato bono, nun ho corcato de botte parecchie persone che se lo meritavano, nun ho trombato mai mai, si, me lo sò toccato quarche volta, ma solo pe’ vedè se c’era ancora... (c’è... per cui me pòi portà ancora regali da maschietto), a casa me sò sempre seduto sulla tavoletta e sur muro nun ce stanno gli schizzi come nei cessi qua al lavoro che sembra c’ha piovuto da poco, ho sempre accompagnato i miei bimbi all’asilo e pe’ entrà non ho mai preso a sediate le mamme ferme sulla porta a chiacchierà co’ la maestra, nun ho gonfiato tutti i compagnetti dei miei figli che ogni volta appena me vedono me fanno ’’sciò sciò’’, nun ho preso a carci in culo nè la mia ex e neanche la madre, anche se de spazio e de motivi a disposizzione ce ne sarebbero parecchi, non ho rotto er cazzo a nessuno al lavoro e non ho leccato pe’ rimanè ar posto mio pure l’anno prossimo, ho fatto er mio dovere ma senza strafà pe’ nun rubbà eventualmente er posto a qualcun altro, quanno ho lavorato l’ho fatto con gusto, quanno nun ho lavorato ho scritto con gusto, quando nun ho lavorato e nun ho scritto, vordì che stavo a dormì de gusto... ho tirato avanti co’ ’na machina de 14 anni fà che nun m’abbandona solo perchè je faccio pena, perde più der Lecce fòri casa e l’ho spinta 6-7 volte fino alla discesa der meccanico mio che me vedeva entrà e poi me vedeva subbito uscì perchè in discesa me s’accenenva... ho cercato de risparmià er più possibbile quanno annavo a fà la spesa, ho comprato solo ’a robba in offerta, e ho dovuto combatte co’ tutte le differenze tra lo scontrino e er prezzo dell’offerta, raramente combaciavano e raramente me ne sarò accorto in tempo... ho lottato contro l’aumento der prezzo della benzina, ho messo sempre benza ar faidate, co’ qualsiasi clima, dai +50° ai -25°, pe’ risparmià 4 centesimi ar litro dopo che de notte er governo aveva aumentato er prezzo de 20, nun ho mai chiesto ar portiere mio perchè quanno je lascio er resto della rata der condominio, nun me ringrazzia, forse perchè qualsiasi risposta me desse, lo prenderei a pizze a 2 a 2 finchè nun diventano dispari... nun ho mai pisciato sulle tende de quello de sotto che le lascia tirate giù tutto l’anno e quanno innaffio, appena je ce cascano dù gocce d’accqua, me viè a rompe er cazzo ar citofono... non ho mai fatto finta de nun vedè ’a machina de un negozziante anziano che la mette in doppia fila sempre davanti alla mia sapendo che esco sempre a tale ora, a volte me verrebbe da mette in moto e partì e portammela al lavoro co’ mme... nun ho mai chiamato er comune de Roma denunciandolo pe’ tentato omicidio ripetuto tutti i giorni, quanno entro ed esco dalle buche pe’ strada... nun me sò mai lamentato de annà al lavoro tutte le matine, più spesso me lamento er venerdì sera che devo tornà a casa... anche perchè nun sò se er luneddì appresso lavorerò ancora.. nun ho mai detto ar collega che me stà de fronte, che mette ’na stazzione radio der cazzo, che ormai la scaletta è quella da 4 anni e nun la cambiano proprio pe’ lui, sennò se svejerebbe dar coma e cambierebbe emittente...
nun me sò mai lamentato se la sera pe’ tornà a casa, devo prima annà verso er mare, famme la fila insieme ai marinai e poi tornà verso Roma... non ho mai preso a pizze er dentista mio che m’ha fissato 8 appuntamenti de cui 6 erano de chiacchiere e perdite de tempo, in totale m’ha tenuto dentro 8 minuti e m’ha fatto perde 15 ore de lavoro... non ho mai preso a calci ’a segretaria del dentista, che prima m’ha fatto vedè er prezzo pieno come i marocchini quanno te sparano ’a cifra iniziale, e poi m’ha fatto lo sconto... me sò fatto er bagno ar mare tutta l’estate in piedi come gli stambecchi delle dolomiti, pe’ tenè pe’ mano i miei bimbi "dove nun se tocca", me sò abbronzato spalle e naso e cor resto ce potrei fà n’insalata de mare pe’ quanto è stato in salamoia... ho combattuto tutto l’anno co’ i gestori dei cellulari, che mannavano i messaggi e le telefonate a destinazzione quanno cazzo je pareva, ma i soldi miei se li ciucciavano in tempo reale... ho sospirato pe’ la distanza dall’amore e smadonnato pe’ la vicinanza de na cacacazzi... ho risposto sur fisso a wind infostrada tele2 telecom italia... ognuno te proponeva ’a cosa più conveniente rispetto a tutti l’artri, ma io ho capito che ’a cosa più conveniente è smurà tutte le prese der telefono fisso... ho fatto tante de quelle file alla posta, che me dovrebbero assume come bollettino in bianco, pe’ ’na vorta armèno nun pago gnente...
...per questo e mille altri motivi caro Babbo Natà, te chiedo de nun portamme più gnente... che l’anno scorso pe’ regalo t’avevo chiesto tramite posta celere quarche svertina, e m’hai portato solo rogne prioritarie, st’anno fatte l’affari tua e da me nun ce venì... anche se passi pe’ sbajio, te sparo. Poi nun te lamentà se diranno che Babbo Natale nun esiste... più.

Ciao, Bruno 51 anni.

Nuovo commento